Skip to main content

Eventi

  • Eventi ACI Storico

Targa Florio Classica è Grande Evento di regolarità che attrae i Top Driver di tutto il mondo

E' una Targa Florio Classica che piace, l'edizione 2019. I concorrenti iscritti confermano l'assioma annunciando la loro presenza in gran numero: 180. Così diversa, ma sempre uguale alla geniale idea di Vincenzo Florio. Immersa nella storia dell'automobilismo, ma sempre più rivolta al futuro restando la rievocazione della "Cursa" e proporsi al contempo gara di regolarità classica.

Da oggi, sino a domenica 13, 180 equipaggi correranno la Targa Florio Classica. Trecento quaranta e più tra piloti e navigatori provenienti anche da paesi lontani. Un caleidoscopio di idiomi, di modi di vivere e interpretare le sfide automobilistiche. A farla da padrone sono innegabilmente gli italiani, ma quest'anno la maratona sulle strade siciliane vede schierati un crescente numero di appassionati concorrenti stranieri.
L'essere il terzo e penultimo round del Campionato Italiano Grandi Eventi, conferisce alla "Targa" quell'importanza capitale nella corsa ai titoli tricolori della serie ACI Sport, richiamando così ai blocchi di partenza il gotha della Regolarità Classica per Auto Storiche al volante di vetture che correvano la "Targa" nelle varie epoche e dalla tecnologia, linee e forme che caratterizzavano gli anni prima del 1977. A bordo di Fiat 508 Spider del 1932, saranno i bresciani Tiberio Cavalleri e Cristina Meini Cristina a difendere i colori della Scuderia Targa Florio, affrontando il tracciato di gara col numero 1, i lombardi saranno seguiti a ruota da Mario Passanante, il siciliano già campione italiano di regolarità e vincitore  del Gran Premio Nuvolari, al volante della Fiat 508c costruita nel 1937, del team Ma.Fra, navigato dalla giornalista di Ruote Classiche Himara Bottini. 
Protagonisti alla Coppa d'Oro delle Dolomiti e alla gara dedicata al Mantovano Volante, Ezio Sala e Mara Massa si presentano con la Lancia Aprilia del '37 nei colori della Emmebi 70, con lo stesso modello d'auto, ma di due anni più giovane, saranno Gianmario Fontanella e Annamaria Covelli Annamaria per Classic Team - CPAE, secondi assoluti nella classifica generale della serie tricolore. Fuoriclasse indiscusso e leader di campionato, dopo l'affermazione alla gara dolomitica ed il piazzamento al "Nuvolari", il dottore siciliano Giovanni Moceri avrà un'altra occasione per ribadire la competitività vincente sulle sue strade isolane assieme alla moglie Valeria Dicembre, con cui condividerà la Fiat 508 C del 1939 ovviamente a rappresentare la Scuderia Targa Florio. Il conduttore televisivo Ermanno De Angelis sfiderà i Top Driver al volante della Cisitalia 202 SMM Nuvolari del 1947, schierata dal MAUTO Museo dell'Auto Torino affiliato ACI Storico, affiancato da Nunzia Del Gaudio. Terzo della graduatoria tricolore, primo del 2. Raggruppamento è il siciliano Antonino Margiotta che, in coppia con la moglie Valentina La Chiana porta alla ribalta la Volvo PV 444 del 1947 schierata da Volvo Club, team heritage della Casa svedese che affida anche la Volvo Amazon P2004VB del 1958 a Massimo Zanasi Barbara Bertini per difendere la leadership nel terzo Raggruppamento. Al via per confermarsi al primo posto del quarto raggruppamento, il canoista vicentino Andrea Giacoppo Barbara e Daniela Tecioiu avranno la personale Mercedes 230 SL del 1965 Team Bassano. Questi sono solo alcuni dei tanti top driver che animeranno le sfide cronometriche, infatti saranno al via anche Sergio Sisti su Lancia Aprilia, Alberto Tattini che lascia la Porsche 911 per passare alla bella Volvo P 1800 Jensen del 1961, ma anche Leonardo Fabbri sulla Volvo Pv544 del 1965 Volvo Club.
L’eterogeneo Elenco Iscritti è arricchito da piloti provenienti da ben cinque continenti, con il coinvolgimento di 14 diversi paesi, tra cui extra europei: Stati Uniti, Sudafrica, Giappone, Emirati Arabi Uniti e Australia. Fra questi, di particolare interesse storico sono la Bugatti TYP 51 del 1932, dei tedeschi Santo Randazzo e Michael Vogel, oppure la Alfa Romeo 6C 1750 James Young del 1932 di Harry Seifert, anche se il record d'anzianità spetta alla Salmson Gs 8 Gd Sport del 1929 dei lombardi Emilio Bordoli e Nicola Castelli.

La "Cursa" 2019 è anche sfida nella sfida con la sezione Targa Florio Legend, riservata ai conduttori di auto costruite dal 1978 al 1990. Tributo in chiave moderna ad una gara senza tempo, come è il Ferrari Tribute to Targa Florio 2019. Ma non solo. Schierati al via da Piazza Verdi a Palermo, s'annunciano appassionati e cultori dell'automobilismo, in perfetto connubio con chi individua tratti di cultura turistica e chi, anche, sarà presente per valorizzare il patrimonio tecnologico e storico delle proprie identità di Casa costruttrice.

Targa Florio Classica 2019 è affiancata dagli Official Sponsor ACI Global Servizi, MA - FRA, SARA Assicurazioni e, quale Official Timekeeper, TAG Heuer, oltre ai Technical Partner Chin8Neri, Winner.
 

Torna su